Il 21 settembre si celebra la XIX giornata mondiale dell'Alzheimer


La Giornata Mondiale Alzheimer, istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Alzheimer’s Disease International (ADI), si celebra il 21 settembre in tutto il mondo. Testimonia la crescita di un movimento internazionale che vuole creare una coscienza pubblica sugli enormi problemi provocati da questa malattia. E ogni anno riunisce in tutto il mondo malati, familiari e associazioni Alzheimer.

I malati di Alzheimer e di altre demenze sono oggi stimati 36 milioni nel mondo, un milione nel nostro Paese, numeri destinati ad aumentare drammaticamente nel giro di pochi anni.

Il morbo è la forma più comune di demenza senile, caratterizzata da un progressivo declino della memoria e di altre funzioni cognitive, uno stato provocato da una alterazione delle funzioni cerebrali che implica serie difficoltà per il paziente nel condurre le normali attività quotidiane.

Di fronte a questa emergenza sanitaria famiglie, medici, ricercatori, associazioni Alzheimer e istituzioni sanitarie sono chiamati ad agire insieme per dare risposte concrete ai bisogni dei malati e dei loro familiari. 
Il declino della mente, quello che nella maggior parte dei casi diventa demenza di Alzheimer, comincia già attorno ai 50-60 anni. A confermarlo è uno studio di popolazione condotto per dieci anni da ricercatori dello University College di Londra. La malattia di Alzheimer nel momento in cui si manifesta ha una storia di vent'anni e lesioni cerebrali ormai irreversibili. Difficile, se non impossibile, scoprire i "segni" clinici premonitori (alterazioni del carattere e dell'umore, disturbi dell'attenzione, difficoltà minime nella organizzazione e pianificazione quotidiana). Salvaguardare la "riserva cognitiva" attraverso relazioni sociali, attività fisica, studio, lettura, stile di vita corretto, ecc. ritarda la malattia fino a cinque anni.
 

l Dipartimento Cure Primarie dell'Azienda Usl - IRCCS, Distretto di Reggio Emilia, e il suo Centro Disturbi Cognitivi e Demenze organizzano due serate di apprendimento rivolte a chi si prende cura di persone con disturbi cognitivi moderati e gravi sul tema "Demenza e disturbi del comportamento".

Gli incontri si terrano nella Sala Civica Biblioteca Comunale di Albinea (Via Morandi, 9 - Albinea) nelle seguenti date:

  • 4 ottobre 2018 ore 21.00 - Allucinazioni, Deliri, Aggressività, Agitazione
  • 18 ottobre 2018 ore 21.00 - Alterazioni del ritmo sonno veglia. Wandering, Affaccendamento, Disinibizione, Disturbi alimentari

Nelle due serate saranno presenti:

  • Psicologhe e Neuropsicologhe del Dipartimento Cure Primarie, Programma Anziani e fragilità
  • Medici, Infermieri, Educatori professionali del Centro Distrettuale Disturbi cognitivi di Reggio Emilia
  • Volontari AIMA, AUSER e DarVoce, Sportello del Tribunale per l'Amministratore di sostegno

Per partecipare è necessario iscriversi inviando una e-mail a baroni.mariapia@ausl.re.it o telefonando al 0522 339845 / 339847.



Alcuni link di approfondimento per non dimenticare:
Alzheimer Regione Emilia Romagna
AIMA Reggio Emilia
AIMA Italia
SOS Alzheimer
 


 
Ultimo aggiornamento: 10/09/18