Un cartellone di appuntamenti, riflessioni e testimonianze sulla resistenza e la liberazione


Un calendario di eventi itineranti pensato per aprire e condividere spazi di riflessione sul significato storico e ideale della Resistenza nelle sue più ampie forme di espressione: guerra di popolo, esperienza collettiva di liberazione, riscatto sociale, legalità, giustizia sociale, tutela della democrazia.

Gli eventi culturali e l'arte sono i veicoli ideali di messaggi importanti. Le celebrazioni del 25 Aprile sono ormai una consolidata rassegna culturale dell’ASP che intende ricordare i momenti attraverso la letteratura, le testimonianze, le immagini, la storia, le iniziative didattiche e momenti conviviali.
Organizzata da ASP REGGIO EMILIA in collaborazione con l’ANPI provinciale e con Istoreco  si svolgeranno iniziative dal 16 Aprile al 4 Maggio in alcune delle strutture che ospitano gli anziani, coinvolgendo gli utenti delle Case Residenza e dei Centri Diurni della città.
 
Nelle strutture residenziali e nei centri diurni che animano la vita dei quartieri, è ancora possibile ascoltare dalla viva voce degli ospiti cosa accadde in quei lontani giorni, e farlo ascoltare a scolari e studenti delle scuole vicine, sviluppando un dialogo intergenerazionale mediato da esperti dell’ANPI o di Istoreco o da alcuni operatori dell’ASP.
 
A volte sono ricordi tristi a fare capolino dalla memoria, ma altre volte vi sono i ricordi delle feste che coinvolsero la popolazione dopo la fine della guerra con la sconfitta del nazifascismo, o a seguito delle ricongiunzioni familiari con chi, partito anni prima per la guerra o finito in prigionia, si temeva non si sarebbe rivisto mai più.
                
         

E' una rassegna che offre molteplici spunti di riflessione e attrae anche i giovani, che sono i veri destinatari di una cultura della democrazia, per questo motivo saranno coinvolte anche studenti delle scuole cittadine inferiori e superiori.     

Attraverso quindi il doppio sguardo di un passato direttamente vissuto dagli anziani e quello di studenti messaggeri per il futuro gli eventi si articoleranno in ricordi collettivi preziosi, testimonianze di anziani che diventano linfa per il futuro dei giovani e restituzioni di viaggio di studenti che hanno sono stati nei luoghi autentici, segni evidenti che la Storia è tuttora presente.       

Quella forte ”esperienza collettiva” continuerà così a riecheggiare nel cuore di ognuno di noi, nel cuore dei ragazzi che conoscono e hanno studiato la Resistenza, nel cuore dei nostri genitori che hanno sentito le testimonianze, e nel cuore di chi quella Resistenza l’ha vissuta, di chi quel pezzo di storia l’ha scritta, di chi quel 25 Aprile c’era in prima persona. Queste ultime persone, i testimoni diretti, sono sempre meno, e alcuni sono ospiti presso le case residenza e i centri dell’Asp, ed è questo lo spirito dell’iniziativa, quello di raccogliere e diffondere le loro testimonianze, i loro racconti di vitaperché quando non ci saranno più rimarrà qualcosa di loro, qualcosa che ognuno di noi avrà fatto suo, per sempre.

E’ questo il potere della storia, del ricordo, della testimonianza e dell’ascolto.
 
 “ll viaggio della memoria”: giovani studenti trasmetteranno memoria delle loro esperienza di viaggio nella città di Auschwitz.  Studenti, insegnanti e accompagnatori del liceo A.Moro che hanno costruito un progetto educativo per la preparazione e la restituzione dell’esperienza agli anziani dell’ASP:
  • Incontri e riflessioni sul passato con i testimoni diretti della Resistenza con la presenza di partigiani che racconteranno le loro esperienze;
  • La vita degli adolescenti negli anni della resistenza;
  • L’itinerante mostra  storico-fotografica “Per non dimenticare” organizzata da Lella Vinsani di Istoreco.
  • Il ruolo della donna nella Resistenza con la testimonianza delle staffette partigiane;
  • La resistenza operaia alle Officine Reggiane;
  • La Costituzione italiana, la storia e il significato
 
Tutti gli incontri sono aperti alla cittadinanza e vedranno la presenza di volontari, associazioni e istituzioni che da sempre collaborano o sono coinvolte nelle attività dell’ASP e prima ancora di RETE e di iscritti alle locali sezioni dell’ANPI.
Nei diversi incontri sarà presente Raffaele Leoni Presidente di ASP REGGIO EMILIA – Città delle Persone e i coordinatori delle varie strutture.    
  
Il partigiano Giglio Mazzi, Ermete Fiaccadori Presidente Anpi, Raffaele Leoni Presidente dell'ASP e  Giulia Cocconi ricercatrice Istoreco                                            
Ultimo aggiornamento: 18/04/18